Soluzioni anti-phishing

L'impostazione di soluzioni anti-phishing può essere un processo semplice, ma ci sono molti aspetti da considerare. L'ambiente del phishing è cambiato significativamente nell'ultimo anno, proprio come la vita quotidiana. Per portare avanti le loro nuove truffe, phisher e hacker hanno cercato di sfruttare i vari ambienti di lavoro e i nuovi strumenti emersi nel cyberspazio, grazie al lavoro da casa.

I siti di phishing hanno registrato un aumento record nel 2020, con Google che ha rilevato 2,11 milioni di nuovi siti, con un incremento del 25%. 25% aumento rispetto al 2019.

Come impediremo agli hacker di manomettere il nostro sito? Saranno ancora in grado di rubare le password dei nostri utenti? Il processo complessivo richiederà molto tempo e sarà troppo fastidioso?

In questo articolo affronteremo tutte queste domande con un elenco completo di soluzioni anti-phishing facili da usare ma efficaci. Diamo un'occhiata:

L'ascesa del phishing

Poiché i consumatori soffrono di una "infobesità" da e-mail ricevute, che li rende meno attenti a individuare i tentativi di phishing, il phishing ha oggi un grande successo. I criminali informatici sono abili nel creare contenuti per ingannare le persone ed evitare di essere scoperti (personalizzazione dei contenuti, copia della carta grafica, ecc.) I criminali informatici possono sviluppare modelli di e-mail personalizzati e più autentici utilizzando le informazioni fornite dalle persone sui social media.

Gli utenti potrebbero non ricevere una formazione sufficiente sul phishing, su come viene utilizzato per diffondere il ransomware e sui modi migliori per gestire le minacce inaspettate. Inoltre, molte persone non sono abbastanza scettiche quando viene chiesto loro di eseguire operazioni come il trasferimento di denaro, l'apertura di allegati o la divulgazione di informazioni critiche. Ancora peggio, alcune aziende non considerano la possibilità di integrare l'educazione e la consapevolezza degli utenti nei loro piani di difesa.

Soluzioni antiphishing per PMI e aziende di livello enterprise

Le soluzioni antiphishing sono un must per qualsiasi organizzazione che tratta i dati dei clienti. Le soluzioni anti-phishing mirano a prevenire gli attacchi di phishing bloccando l'accesso dell'aggressore prima che possa rubare le informazioni dei clienti.

Le soluzioni anti-phishing possono essere distinte in due metodi: prevenzione e rilevamento del phishing.

  • Soluzioni di prevenzione del phishing: Implementare uno strumento per affrontare le minacce di phishing

La prevenzione del phishing è un meccanismo che cerca di evitare che gli utenti cadano vittime di attacchi di phishing attraverso la sensibilizzazione e l'educazione degli utenti sui rischi di queste minacce e su come proteggere i propri dati, nonché sull'autenticazione via e-mail e altri strumenti di sicurezza per bloccare questi attacchi. 

Il modo più efficace per prevenire gli attacchi di phishing è quello di non cliccare su alcun link o allegato di un messaggio di posta elettronica se non si è verificata l'identità del mittente.

Fortunatamente, esistono molti modi per proteggersi da questi attacchi. Ecco alcuni dei metodi più efficaci:

  • Provate il DMARC: uno standard globale di protezione dal phishing

I protocolli SPF (Sender Policy Framework) e DKIM (DomainKeys Identified Mail) sono richiesti per DMARCo Domain-based Message Authentication, Reporting & Conformance, per funzionare. Affinché il vostro dominio possa implementare il DMARC, almeno uno dei due deve essere abilitato.

Si tratta essenzialmente di standard mondiali di protezione dal phishing che consentono ai destinatari di confermare se un'e-mail che sembra provenire da un dominio specifico è stata inviata da un server di posta autorizzato a inviare e-mail per conto di quel dominio. Se utilizzate da un mittente, queste tecniche possono proteggere i destinatari da e-mail fasulle che sembrano provenire dal loro dominio.

Come funzionano?

I record SPF, DKIM e DMARC vengono aggiunti al sistema dei nomi di dominio dal mittente.) Gli indirizzi IP e i nomi di dominio dei server e-mail approvati sono elencati nel record DNS SPF. DKIM utilizza un'ulteriore coppia di chiavi pubbliche e private per la verifica. Inoltre, il record DNS DMARC include richieste di segnalazione al mittente.

Il lato ricevente riceve istruzioni dal DMARC su come gestire le e-mail non corrette in base ai risultati di SPF e DKIM. I criteri DMARC possono essere configurati in modo da consentire tutte le e-mail, rifiutarle o metterle in quarantena indipendentemente dal fallimento di SPF/DKIM.

  • Mantenete aggiornato il vostro software antivirus

È importante mantenere aggiornato il software antivirus per rilevare le nuove minacce che emergono. Se utilizzate un prodotto commerciale, assicuratevi che sia regolarmente aggiornato e che supporti l'ultima versione del browser. Se si utilizza una soluzione open source, assicurarsi che sia stata aggiornata di recente. È inoltre necessario eseguire scansioni regolari dello strumento per assicurarsi che funzioni correttamente e che non sia stato compromesso da malware o altri problemi.

  • Autenticazione a due fattori

Autenticazione a due fattori utilizza qualcosa di diverso dalle password e dai PIN per l'accesso per proteggere gli utenti dai tentativi di phishing. L'autenticazione a due fattori di solito prevede un codice unico da inserire dopo aver digitato una password o un PIN, invece di affidarsi a una password tradizionale, rendendo più difficile l'accesso agli account da parte degli hacker.

  • Educare i dipendenti

Istruite i dipendenti sulle e-mail di phishing attraverso un programma di sensibilizzazione al phishing. Potete aiutarli a evitare di cadere nelle e-mail di phishing istruendoli sulla differenza tra un'e-mail legittima e una non legittima. Potete anche chiedere loro di verificare i loro account prima di inserire informazioni sensibili online.

  • Metodi di rilevamento del phishing: Rilevare manualmente i tentativi di phishing attraverso la consapevolezza generale.

Si tratta di un approccio attivo in cui dovrete bloccare automaticamente le e-mail dannose utilizzando vari strumenti di sicurezza come software anti-malware, antivirus, ecc. Questo tipo di soluzione potrebbe non funzionare in tutte le situazioni, ma vi aiuta a rilevare e bloccare le e-mail dannose prima che infettino il vostro dispositivo con il malware.

  • Nome di dominio scritto male

Le e-mail di phishing contengono spesso un nome di dominio scritto male. Ad esempio, un'e-mail che afferma di provenire da "www.facebook.com" ma che utilizza un nome di dominio errato "facebbok.com" è probabilmente fraudolenta. Lo stesso vale se il nome di dominio è stato alterato con l'aggiunta o la rimozione di caratteri.

  • Allegati sospetti

L'allegato è spesso un documento Word che contiene una macro dannosa che scarica automaticamente il malware sul computer quando si apre il file. 

  • Email con un saluto o un'accoglienza poco familiare

Il saluto di un'e-mail dovrebbe corrispondere a quello utilizzato nei messaggi legittimi dell'azienda in questione. In caso contrario, è bene sospettare dell'autenticità del messaggio prima di aprirlo ulteriormente.

  • Il messaggio è stato inviato da un dominio di posta elettronica pubblico

Se vedete un indirizzo e-mail come @gmail.com o @yahoo.com, probabilmente non è legittimo: questi domini appartengono a servizi di webmail gratuiti a cui chiunque può iscriversi. È molto più probabile ricevere spam se qualcuno utilizza il proprio nome di dominio o uno riservato dal proprio datore di lavoro (come @mycompany.com).

Parole finali

Per individuare rapidamente gli indirizzi IP e le fonti di invio dannose, gli esperti del settore consigliano agli utenti di attivare i rapporti DMARC per il proprio dominio. Questi rapporti aggregati forniscono informazioni preziose su qualsiasi e-mail inviata dal vostro dominio. Questo non solo vi aiuta a monitorare i vostri canali e-mail per individuare eventuali incongruenze, ma vi aiuta anche a rispondere alle mancate consegne di messaggi legittimi. In generale, questo può migliorare realmente le prestazioni e la diffusione delle vostre e-mail. 

Per evitare di decifrare i dati XML nei vostri report, procuratevi un parser analizzatore DMARC. Questo strumento converte i dati in un formato leggibile dall'uomo e fornisce opzioni di visualizzazione, assortimento e filtraggio.

Ultimi messaggi di Ahona Rudra (vedi tutti)